Una storia di automobili.

Standard

«Il coinquilino di merda chiede in prestito la mia automobile per andare a fare una seratina tranquilla con i colleghi di corso. Dopo averci pensato un po’, gliela presto.
La mattina seguente vengo svegliato dal suono del citofono. Il citofono è difettoso, quindi scendo per vedere chi è. Sul portone mi aspettano quattro poliziotti, che mostrano un fare piuttosto sospettoso nei miei confronti. Scopro che hanno ritrovato la mia macchina in una stradina della periferia di Bologna, abbandonata ed ammaccata, con gli tutti sportelli aperti.
Risalito a casa con loro, trovo il mio cdm riverso a terra in una pozza di vomito (ignoro come abbia fatto a non soffocare o annegare). Dopo averlo svegliato lo interrogo sull’accaduto. Lui nega tutto, affermando convinto che la macchina si trova parcheggiata sotto casa.
Il suddetto cdm mi deve ancora i soldi del carrozziere e della multa per abbandono di veicolo».

coinquilino di merda che lascia la macchina dell'altro coinquilino in condizioni tremende e torna a casa sbronzo.

5 pensieri su “Una storia di automobili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...