[CDM NELLE CRONACHE] Uccide a colpi d’ascia il compagno di stanza

Standard

MR701SB_tq9prxjj6ays

 

Massa e Cozzile (Pistoia) – Ha ucciso il suo compagno di stanza in una casa famiglia con quindici colpi di accetta e poi ha chiamato il 113.
Gianluca Lotti, 38 anni, ha confessato l’omicidio di Massimo Tarabori giustificandosi con il fatto che non lo aiutava nelle faccende domestiche e lasciava sempre la luce accesa.
Una vicenda che ha dell’incredibile quella avvenuta ieri sera nella casa famiglia “Un popolo in cammino”. Il 38enne ha atteso che il compagno di stanza si addormentasse e poi è uscito a prendere un’accetta nel capanno degli attrezzi e lo ha colpito prima alla testa ed alla gola e poi si è fermato per andare ad indossare dei guanti di lattice ed ha ripreso la mattanza colpendo ancora alla testa ed alle mani.
Gianluca Lotti ha poi “rassicurato” le altre persone presenti nella comunità dicendo che si sarebbe fatto una doccia e poi avrebbe chiamato il 113 e così ha fatto facendosi trovare dalla polizia vestito e rasato.
«Tarabori non spegneva mai la luce e non collaborava alla pulizia della casa» sono parti della confessione di Lotti agli agenti increduli.

Fonte

Leggi altre storie della nostra rubrica Coinquilini di merda nelle cronache

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...